Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

26992152_738113016392733_7221330274551649231_n.jpg

 

26993457_738106806393354_8511635837626412478_n.jpg

27332740_738272309710137_2163276310032889213_n.jpg

27332150_738106476393387_6281483306616569718_n.jpg

 

Sabato pomeriggio la Sala dei Grandi del palazzo della Provincia ha ospitato l'edizione 2018 della "Festa del ciclismo", organizzata dall'amministrazione provinciale, dal Coni e dal comitato provinciale della Federazione ciclistica italiana.

Tanti sono i premi che arriveranno in Valdarno, dove il ciclismo è sport molto popolare e seguito a tutti i livelli, con tante gare organizzate.

L'amministrazione provinciale consegnerà ai famigliari di Leonetto Fratini, per tanti anni organizzatore di una competizione nel lotto delle gare per elite e under 23 più importanti del calendario nazionale e internazionale come la Ruota d'oro, un riconoscimento alle memoria.

La Federciclismo provinciale premierà Aligi Pieri  del Pedale Toscano Ponticino come allenatore dell'anno, il Pedale Toscano Ponticino come squadra allievi dell'anno e Antonio Tiberi, portacolori dell'Olimpia Valdarnese, come allievo dell'anno. Il Pedale Toscano Ponticino e la montevarchina Olimpia Valdarnese  figurano anche nell'elenco delle società premiate per l'attività svolta a livello giovanile.