Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

image.JPG

 

Mercoledì 4 luglio, nella sala consiliare della Provincia, alla presenza di moltissime autorità, dall’assessore allo sport Andrea Morini al presidente del Coni Point Giovanni Giannone, il prefetto Anna Maria Manzone, Simone Cardullo (in rappresentanza del Coni Regionale), Rodolfo Graziani (presidente dell’associazione Atleti Azzurri d’Italia), Cesare Gentile(presidente dei veterani dello Sport), è stata presentao l’atteso Almanacco dello Sport, volume, pensato da Roberto Scotto e creato da Andrea Puccini ed oramai un classico d’inizio estate.

“Orgogliosi di essere livornesi: la copertina dell’Almanacco dello Sport - versione 2018 - parla un linguaggio forte e chiaro. Baldi e fieri delle nostre origini che, specie nel mondo dello sport, dimostriamo in ogni ambito.” Numerosissima la platea degli atleti; quest’anno - infatti - l’Almanacco ha deciso di rendere omaggio a 7 eccellenze dello sport labronico: Bibi Gufoni (karate), Franco Nenci (pugilato), Letizia Tinghi (pattinaggio a rotelle), Giulia Quintavalle (judo), Ilaria Tocchini (nuoto), Rolando Rigoli (scherma) e Marco Volpi (pesca sportiva), quest’ultimo capace di mettere in bacheca 29 titoli mondiali.

A seguire si è svolta la consueta proclamazione dei due personaggi dell’anno 2017: in ambito maschile il trofeo se l’è aggiudicato Walter De Raffaele, ex giocatore della Libertas Livorno e oggi capo allenatore della Reyer Venezia campione d'Italia (stagione 2016/2017). Il prestigioso riconoscimento al femminile – invece – se lo è guadagnato l’arbitro internazionale di scherma, Simona Pierucci.

Sono seguite, infine le tante premiazioni: una targa “Una vita per lo sport” consegnata a Mario Tinghi , Rolando Rigoli per la scherma, Michele Borghetti per la Dama, Andrea Puccini per l’Aci, Gioia Tancredi per il pugliato, Maurizio Baldi per la

Filkam, Daniele Sircana per il braccio di ferro, Mauro Martelli per il canottaggio, Claudio Kaminsky per la canoa, Paolo Quaglierini per il ciclismo, Alberto Cencetti per l’atletica, Max Martelli per la pesistica, Edoardo Agretti per il calcio, Renato Graziani per il basket, Piero Penicucci per il volley, Fabio Gaetaniello per il rugby, Mario Fracassi per il nuoto, Ivan Stoyanov per il tennistavolo, Marco Paglioni per i cronometristi, Lara Filippi per la ginnastica, Fabio Palandri per il Tiro con l’Arco, Fabio Quaglierini per il Triathlon, Mauro Piazzini per il Motociclismo, Massimiliano Schnack per il golf, Silverio Badalassi del Cicasub, Mario Falaschi per il softball, Renzo Butelli per il biliardo e l’avvocato Minervini per il football americano.

E per concludere, ma per niente ultimi (anzi...), gli “Atleti Speciali” Claudio Rigolo e Martino Seravalli.