Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Immagine.jpg

Immagine2.jpg

Domani si conoscerà il nome dell'atleta o della squadra a cui verrà consegnato il Pegaso per lo sport 2018, riconoscimento che ogni anno la Regione Toscana, in collaborazione con CR CONI Toscana, CIP Toscana ed USSI Toscana ,assegna a coloro che nella stagione precedente si sono messi in evidenza conquistando titoli sportivi a livello nazionale ed internazionale o che si sono segnalati per gesti di etica e fair play.

Durante la cerimonia di premiazione, che è in programma domani  5 aprile a partire dalle ore 16 al Teatro della Compagnia a Firenze saranno oltre 200 gli atleti e le squadre toscane che saliranno sul palco per ricevere un premio.

Dalla rosa dei 12 finalisti (link alla pagina), segnalata dal Gruppo giornalisti sportivi toscani Ussi in collaborazione con Coni e Cip, il Comitato paralimpico della Toscana, verrà selezionato il terzetto che si contenderà il titolo di Sportivo dell'anno e la statua raffigurante il Pegaso.

Questi i 12 candidati: Martina Batini oro mondiale ed europeo nel fioretto a squadre, Axel Beligpluricampione di nuoto paralimpico grazie a 2 ori e 1 argento mondiali e ben 4 ori europei, Matteo Betti campione iridato nel fioretto paralimpico a squadre e vicecampione nella prova individuale, Yohanes Chiappinelli campione continentale under 23 nei 3000 siepi, Walter De Raffaelevincitore del tricolore della pallacanestro con la Reyer Venezia, Gabriele Detti oro e bronzo mondiale rispettivamente negli 800 e 400 stile libero di nuoto, Gabriele Rossetti iridato sia individuale che a squadre nel tiro a volo, Fabio Turchi campione internazionale silver dei massimi leggeri, Fiorentina Women's vincitrice di scudetto e Coppa Italia nel calcio femminile, I Medicei Firenze campioni italiani della Serie A di rugby, Le Mura Lucca campionesse italiane basket femminile e Emma Villas Siena detentrice della Coppa Italia A2 volley maschile.

Tra le altre iniziative da segnalare nel corso della cerimonia: il ricordo di Davide Astori, il giocatore della Fiorentina recentemente scomparso, e la consegna di cinque riconoscimenti speciali. Il primo, dal titolo ‘Sport e Integrazione', alla società San Michele Cattolica Virtus, da oltre 60 anni punto di riferimento e di aggregazione giovanile, e punto focale di integrazione sociale. Il secondo, ‘Lotta al doping', a Ivano Fanini, fondatore e presidente del Gruppo Ciclistico Michela Fanini per il coraggio dimostrato nel parlare a viso aperto di un argomento difficile e scomodo come il doping. Il terzo, ‘Sport che abbatte le barriere', a Massimiliano Mattei, che per la prima volta nella storia ha permesso all'Italia di ottenere il quarto posto nella categoria Prone ai mondiali di surf per atleti diversamente abili che si sono disputati in California. Infine il quarto ed il quinto, per la categoria ‘Sport Inclusivo', a due atleti Special Olympics che hanno partecipato ai Giochi Mondiali invernali che nel 2017 si sono svolti in Austria: Alessandro Dressadore, oro e argento nel Super G e nello Slalom, e Matilde Zipoli, doppio bronzo nei 50 e 100 m di sci di fondo a tecnica classica.