Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

C_4_articolo_2063254__ImageGallery__imageGalleryItem_16_image.jpg

E' arrivata la terza medaglia per l'Italia agli Europei di atletica a Zurigo: Daniele Meucci, 28enne pisano, ha vinto l'oro nella maratona compiendo una grande impresa. Scattato al 35esimo chilometro, l'azzurro ha fatto il vuoto dietro di sé e ha tagliato il traguardo in solitaria fermando il cronometro sul tempo di 2h.11'08". Argento al polacco Yared Shegumo, staccato di 52 secondi, bronzo al russo Aleksey Reunkov (a 1’07”).

"Sono emozionato, non me l’aspettavo – il commento di Meucci a fine gara - Ho attaccato al momento giusto, ho seguito il mio istinto e mi sono detto 'ora o mai più'. L'ultimo tratto è stato un'agonia. Questa è la mia seconda vera maratona e non posso essere più contento di così”.

Dal momento del sorpasso il dominio del toscano è diventato evidente: "Nell'ultimo giro il tifo del pubblico quasi non mi ha fatto sentire la fatica, le persone lungo la strada mi hanno praticamente trascinato al traguardo... in quel momento pensavo ai miei figli, che mi danno una forza immensa". Su un percorso con quattro salite molto impegnative il pisano non ha mai sofferto: "Ho trovato il percorso difficile ma non così tanto come sembrava. Ho cominciato a sentire un po' di fatica solo nell'ultimo giro, ma avevo una grande fiducia in me e nella mia preparazione"

IL Pesidente Sanzo, che è anche assessore allo sport della città toscana ed olimpionico di scherma, ha quindi sottolineato che "dopo Martina Batini (giovane campionessa nella scherma) c'è un altro pisano che eccelle nello sport e naturalmente sarà invitato e premiato da me e dal sindaco in Comune a nome della città, ma chiederò al Pisa Calcio di celebrarlo prima di una partita, perchè tutta la città possa applaudire un altro atleta che porta il nome di Pisa in giro per il mondo".

media

Banner 2